News Provinciali

Questions for new users of Joomla!

Riflessioni di Carlo Guglielminotti

Martedì 07 Aprile 2020 15:19 stefano
Stampa PDF

Riflessioni di oggi

Lungo il guado della delicata esperienza in corso, alcune riflessioni che cercano di spingersi oltre l’emergenza nel prefigurare scenari possibili di vita associativa edauspicabili sul fronte di cambiamenti legislativi profondi

Associazionismo sportivo – Fase storica per sperimentare costumi di un tempo e per affrontare questioni di fondo

L’associazionismo sportivo attende dalle istituzioni governative ed a cascata da quelle di settore delle misure emergenziali. Sul fronte delle uscite la sospensione ed il rinvio nel tempo di pagamenti di tributi, contributi previdenziali, tasse federali e rate di mutui ICS; sul fronte delle entrate la possibilità di accedere a risorse a vario titolo (contributi a fondo perduto, prestiti a condizioni favorevoli).

Una possibile contrazione della liquidità in fase di riavvio delle attività, e non solo, dovrebbe stimolare le dirigenze delle associazioni sportive che operano a livello di settore giovanile a valutare la possibilità di ricorrere ad una “buona pratica”: il baratto. Le famiglie in difficoltà al posto delle quote corsi per i figli potrebbero per esempio donare del tempo. Ipermercati e supermercati, che di liquidità viceversa stanno facendo il pieno, potrebbero “adottare” i sodalizi attraverso forniture agevolate di beni. A loro volta le associazioni, anch’esse di riflesso indebolite nella cassa, nei confronti di proprietari (pubblici e privati) degli impianti, piuttosto che di alcune tipologie di fornitori potrebbero offrire, a fronte di una scontistica, pacchetti di corsi gratuiti, per esempio anche e soprattutto a favore di contesti sociali disagiati.

La delicata esperienza virale in atto dovrebbe tuttavia rappresentare l’occasione per il legislatore, di concerto con gli Stati Generali dello Sport, per mettere mano ad alcune storture legislative di fondo, innanzi alle quali da tantissimo tempo la tendenza è stata quella di chiudere gli occhi.

Due su tutte. La prima trova il suo fondamento proprio nel testo di uno dei primi provvedimenti emergenziali del Presidente del Consiglio dei Ministri nel febbraio trascorso, allorché per disciplinare le attività all’interno degli impianti, si fa distinzione fra lo sport agonistico e l’attività fisico-motoria. Questa ultima svolta per finalità extra-agonistiche e meritevoli di attenzione (prevenzione malattie, rieducazione del fisico, …), ma non più sotto il cappello di una legislazione statale (in primis tributaria) non congrua. Sono maturi i tempi per una legge-quadro sull’imprenditoria del benessere psico-fisico, modulata nel tempo nel carico fiscale e previdenziale, in quanto trattasi soprattutto di persone laureate in scienze motorie che non trovano spazio lavorativo nell’istituzione scolastica. Agevolata anche per ciò che concerne il “personale” che opera nel settore. E qui la seconda stortura da sanare.

Si tratta del cosiddetto “popolo dei 10.000 euro”, che va per esempio dal pallavolista della Serie A1 alla promessa sportiva improvvisata aiuto allenatore, passando appunto per i collaboratori nel settore dell’attività fisico-motoria non agonistica. Tutti accomunati dall’essere remunerati con delle somme forfetarie che fino alla soglia annua di 10.000 euro non sono considerate reddito, e quando la superano, sono sì reddito, ma non di lavoro (sic!). Per evitare che l’associazionismo debba versarvi in rapporto contributi previdenziali e premi assicurativi. E così questo popolo “invisibile”, al quale il decreto legge emergenziale di marzo dedica un intero articolo che premia i primi suoi 83.333 componenti che giungeranno al traguardo della corsa al sussidio di € 600, si scopre nudo in termini di sicurezze sociali. Dopo circa venti anni di esistenza. Anche in questo caso, sedute tutte le parti intorno ad un tavolo, l’auspicio è quello che il modello della Legge Biagi in materia di collaborazioni accessorie, opportunamente rimodulato ma senza apportare alcun aggravio (di spesa e burocratico) per l’associazionismo e per gli imprenditori del benessere psico-fisico, possa assegnare un volto ed una dignità al “popolo dei 10.000 euro”.

Biella, 6 Aprile 2020 - Carlo Guglielminotti Bianco

 

 

Emergenza Covid-19 - Messaggio del Presidente Musacchia

Sabato 07 Marzo 2020 15:31 stefano
Stampa PDF

Il Presidente Musacchia: "Lo sport sociale ha bisogno di misure immediate per resistere all'emergenza"

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 16 Marzo 2020 14:42 ) Leggi tutto...
 

Emergenza Covid-19 - Messaggio del Presidente Lanza

Sabato 07 Marzo 2020 14:20 stefano
Stampa PDF

Gentile Presidente,

questo particolare momento di emergenza, se pur guidati quasi quotidianamente dalle Autorità Sanitarie e Politiche nazionali preposte mediante la promulgazione di Decreti ed Ordinanze, non mi esime da dovervi contattare per supportarvi per quanto di mia competenza, a gestire in modo equilibrato e responsabile una serie di comportamenti che comunque investono le responsabilità dei Dirigenti delle numerose ASD, SSD e Associazioni Culturali e Ricreative.

Ultimo aggiornamento ( Sabato 07 Marzo 2020 15:33 ) Leggi tutto...
 

Swimming Cup 2020

Sabato 07 Marzo 2020 15:22 stefano
Stampa PDF

Il Coordinamento Regionale Libertas delle Scuole Nuoto Libertas, nell'intento di dare anche per l'anno 2020 un impulso efficace a tutto il movimento natatorio di base Libertas e creare le condizioni di una collegamento in "rete" tra tutte le ASD e SSD Libertas del settore offrendo ulteriori opportunità di Attività Sportivo-Didattiche tra quelle ricomprese nel Regolamento del Registro 2.0 del C.O.N.I.,indice il progetto promozionale denominato “SWIMMING CUP LIBERTAS”

Il progetto è articolato nelle seguenti fasi:

 

Fase 1 - Attività interna della Scuola Nuoto: in piena autonomia organizzativa l’Associazione indice al proprio interno, con scadenze mensili e/o bimensili e/o trimestrali, momenti di verifica cronometrica con tutti i propri allievi di scuola nuoto (sono esclusi atleti tesserati) in grado di percorrere la distanza dei 25 e 50 mt in uno o in tutti i quattro gli stili

Fase 2 – Trasmissione risultati: entro il 29/02/2020 e entro il 30/04/2020 ogni Associazione trasmetterà per posta elettronica ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ) il file Excel(*) fornito dal Centro regionale, con i risultati ottenuti dai propri allievi.

(e’ possibile per l’Associazione trasmettere i risultati anche ad una sola delle due date di scadenza indicate)

 

Fase 3 – Raccolta risultati : il Centro Regionale raccoglie i risultati pervenuti dalle singole Associazioni e li immette in un’unica classifica regionale suddivisa per i quattro stili e per le due categorie (Pesciolini e Pesci Pilota) .

 

Fase 4 – Classifica finale regionale e premiazioni: al termine della stagione sportiva sarà presentata e distribuita a tutte le Associazioni la classifica generale della Swimming Cup Libertas in base alla quale saranno previsti premi per tutte le Associazioni

 

Fase 5 – Grande Festa del Nuoto Libertas: in base alle classifiche definitive ed alla indicazioni pervenute potrà essere prevista una giornata promozionale finale della Swimming Cup Libertas presso un grande impianto per una Festa regionale del Nuoto, per la quale saranno concordati tra le Associazioni i criteri di partecipazione dei concorrenti .

 

* * *

Precisazioni sulla natura del progetto.

La forte connotazione promozionale non vuole discriminare troppo le età dei partecipanti e pertanto vengono individuate soltanto le seguenti categorie:

 

PESCIOLINI : nati 2008/2009/2010/2011/2012

PESCI PILOTA: nati 2005 / 2006 / 2007

 

Se richiesta e se ritenuta necessaria, potrà anche essere prevista la categoria di annate precedenti (biennio di media superiore)

 

Note

 

(*) Utilizzo del File Excel di trasmissione risultati

 

Nel file Excel di trasmissione dei risultati sono previsti n. 4 fogli con la linguetta a piè pagina di colore diverso a seconda della categoria:

- rosso per i 25 mt. “Pesciolini”

- blu per i 25 mt. “Pescipilota”

- verde per i 50 mt. “Pesciolini”

- giallo per i 50 mt. “Pescipilota”

Per ogni foglio interno al file sono compresi i seguenti campi:

COGNOME NOME dell’Allievo - Sesso : M/F - ANNO DI NASCITA - TEMPO min / sec/ dec

Dovrà essere utilizzato un file per ogni stile e il salvataggio del file dovrà contenere la seguente denominazione:

codice affiliazione Libertas e lo stile (esempio: TOP65 rana)

 

SCARICA QUI IL FILE EXCEL!


N.B. Nella classifica di stile saranno inclusi tutti i partecipanti senza distinzione alcuna.

Sarà la segreteria regionale che elaborerà i risultati acquisiti suddividendoli per sesso e per annate.

Viene allegato inoltre un modello cartaceo per un uso interno della rilevazione dei tempi

 

RISULTATI:

SSD TORINO NUOTO (Accedi al sito cliccando qui, e dal menù seleziona "Competizioni" e poi "Swimming Cup")

ASD LIBERTAS NUOTO RIVOLI (Clicca qui)

Ultimo aggiornamento ( Sabato 07 Marzo 2020 21:23 )
 

Circuito Nuoto, un avvio nel segno dell’ESL

Mercoledì 19 Febbraio 2020 22:20 stefano
Stampa PDF

Sul circuito Libertas di nuoto soffia il vento dell’ESL… Battute e metafore a parte, si può anche sintetizzare così il responso tecnico che ha offerto la prima giornata dell’ormai tradizionale rassegna agonistico-promozionale, svoltasi domenica 16 febbraio alla piscina Vigone di Torino, dove si è potuto assistere alla solita, ammirevole gamma generazionale, visto che in acqua sono scesi atleti separati dalla bellezza di 12 anni: dalla classe 2014 del più giovane a quella 2002 del più esperto!

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 19 Febbraio 2020 22:24 ) Leggi tutto...
 

Pagina 1 di 26

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Fisco - INPS e ASD - Covid 19

Lontani ma con cuore sportivo

Video Presidenti EPS Piemonte

Video Presidente Lanza

Corsi di formazione 2019/20

Libertas Sprint

Ci trovi a ...

  • Sede: Piazza Togliatti,1 Rivoli Torino presso Piscina Bonadies
  • Telefono: 011 9593502
  • Fax: 011 4117559
  • E-mail: libtop@libero.it