Aggiornamento

General facts about Joomla!

Certificazioni mediche-Dotazione e uso del Defibrillatore

Mercoledì 04 Settembre 2013 11:28 stefano
Stampa PDF

Certificazione medica per le attività ludico motorie e amatoriali.

Per tutti coloro che in forma associativa aderiscono alle attività sportive organizzate di avviamento e perfezionamento alle discipline natatorie, ad esclusione dell’attività agonistica, viene richiesto ed è obbligatorio fornire il certificato medico in corso di validità , così come stabilito dal Decreto del Ministero della Sanità 8 agosto 2014, in merito alle “Linee guida di indirizzo in materia  di certificati medici per l’attività sportiva non agonistica”. (Scarica il testo ufficiale del Decreto), attuativo del comma 2 dell’art. 42-bis del Decreto Legge 21/6/2013 n. 69, convertito dalla legge n. 98 del 9 agosto 2013, e s.m..

Per una miglior informazione ed approfondimento si sintetizzano qui di seguito i principi essenziali della normativa del Ministro Lorenzin.

 

1 - Soggetti per cui è obbligatoria la certificazione

  • gli alunni che svolgono attività fisico-sportive parascolastiche, organizzate cioè dalle scuole al di fuori dall'orario di lezione
  • coloro che fanno sport presso società affiliate alle Federazioni sportive nazionali e al Coni (ma che non siano considerati atleti agonisti)
  • chi partecipa ai Giochi sportivi studenteschi nelle fasi precedenti a quella nazionale

 

2 - Quale Medico può rilasciare la certificazione

  • il medico di medicina generale per i propri assistiti
  • il pediatra di libera scelta per i propri assistiti
  • il medico specialista in medicina dello sport ovvero i medici della Federazione medico-sportiva italiana del Comitato olimpico nazionale italiano

 

3 - Durata del Certificato e tipologia del controllo medico

  • Il controllo deve essere annuale
  • Il certificato ha validità annuale con decorrenza dalla data di rilascio

 

4 - Gli esami previsti dal controllo medico

  • Per ottenere il rilascio del certificato è necessaria l'anamnesi e l'esame obiettivo con misurazione della pressione e di un elettrocardiogramma  a riposo effettuato almeno una volta nella vita.
  • Per chi ha superato i 60 anni di età associati ad alti fattori di rischio cardiovascolare, è necessario un elettrocardiogramma basale debitamente refertato annualmente
  • Anche per coloro che, a prescindere dall'età, hanno patologie croniche conclamate che comportano un aumento del rischio cardiovascolare è necessario un elettrocardiogramma basale debitamente refertato annualmente.
  • Il medico può prescrivere altri esami che ritiene necessari o il consulto di uno specialista

 

5 - Esclusioni

Sono stati posti specifici quesiti al Ministero della Salute in merito alla corretta interpretazione di attività “non agonistica”, per la quale esiste già un chiarimento ministeriale che precisa che sono esclusi dall’obbligatorietà della certificazione medica:

  • tutti coloro che praticano attività amatoriale (nella fattispecie la libera balneazione per la quale è escluso alcun tipo di addestramento);
  • chi svolge, anche in contesti autorizzati ed organizzati, l’attività motoria occasionale, effettuata a scopo prevalentemente ricreativo e in modo saltuario e non ripetitivo;
  • i praticanti di alcune attività ludico-motorie con ridotto impegno cardiovascolare , quali le bocce (escluse bocce in volo), biliardo, golf, pesca sportiva di superficie, caccia sportiva, sport di tiro, ginnastica per anziani, “gruppo cammino” e attività assimilabili nonché i praticanti di attività prevalentemente ricreative, quali ballo, giochi da tavolo, e attività assimilabili

Al momento pertanto, se non perverranno eventuali e ulteriori chiarimenti di approfondimento resta l’obbligo per quei soggetti di cui al punto 1 di questa comunicazione.

 

6 – Certificato medico – Fac-simile

Scarica il fac-simile della certificazione medica che secondo le disposizioni ministeriali i medici autorizzati devono rilasciare. (Certificato medico)

 


 

Defibrillatori obbligatori nelle società sportive

immagine di un'attività agonistica

 

Dal 1° luglio è in vigore l’obbligo di dotarsi di defibrillatori anche per le associazioni e le società sportive dilettantistiche. I Ministri della Salute e dello Sport hanno precisato con il decreto 26 giugno 2017 alcuni aspetti attuativi:

  • ogni impianto sportivo deve essere dotato di un defibrillatore semiautomatico o a tecnologia più avanzata
  • nel corso delle gare deve essere presente una persona formata all’utilizzo del dispositivo salvavita
  • gli obblighi gravano in capo a tutte le società o associazioni sportive dilettantistiche che praticano una delle 396 discipline sportive riconosciute dal Coni (vedi delibera 20 dicembre 2016, n. 1566 del Consiglio Nazionale del Coni)
  • sono escluse dall’obbligo di dotazione del defibrillatore e dalla presenza obbligatoria del personale formato durante le gare le società o associazioni sportive dilettantistiche che praticano la propria attività al di fuori di un impianto sportivo
  • sono escluse dagli obblighi le società o associazioni sportive dilettantistiche che praticano sport a ridotto impegno cardiocircolatorio, il cui elenco è contenuto nell’allegato A del decreto (a titolo esemplificativo: bowling, bocce, dama e freccette, tanto per citarne alcuni).

 

Corso OPERATORI BLS/D ADULTO E PEDIATRICO (Defibrillatore automatico)( 5 h)

Abilitante al soccorso con defibrillatore

Costo €. 40,00 con riconoscimento attestato dalla Regione Piemonte –

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 15 Settembre 2017 18:54 )
 

Convegno Sport e Adolescenza

Venerdì 14 Dicembre 2012 13:09 stefano
Stampa PDF

Aperti ufficialmente nella cittadina di Rivoli venerdì 20 maggio , alle porte di Torino, i festeggiamenti e le manifestazioni indette dal Centro Regionale Libertas del Piemonte per il 150° dell’Unità d’Italia e per il 65°, con un interessante Convegno Regionale sul tema: SPORT E ADOLESCENZA.

Il Convegno è stato preceduto nella mattinata da una conferenza interregionale dei Dirigenti Provinciali e Regionali delle Regioni confinanti con il Piemonte, presieduta dal Presidente Nazionale Libertas, Luigi MUSACCHIA.
Il Presidente ha illustrato ai numerosi Dirigenti intervenuti le linee programmatiche ed organizzative scaturite dalla Conferenza Nazionale di Bellaria del marzo scorso, per adattarle alle realtà territoriali. La conferenza è stata utile anche per fare alcune proposte di miglioramento e di aggiornamento delle procedure e delle interpretazioni delle recenti  norme contenute nel nuovo regolamento emanato dal CONI.
Alle 15, nel pomeriggio, alla presenza delle autorità politiche locali, il Presidente Regionale Libertas del Piemonte, Enrica LANZA,   
ha introdotto il Convegno “SPORT E ADOLESCENZA”. Dopo il saluto alle Autorità il Presidente Regionale ha spiegato le ragioni del tema del convegno, sottolineando l’impegno della Libertas del Piemonte nel voler promuovere iniziative culturali come questo convegno, integrate nell’intenso programma delle manifestazioni indette per il 150°. “Saranno iniziative che percorreranno tutte le strade, le piazze gli impianti di 15 città del Piemonte, nell’intento di coinvolgere il maggior numero di partecipanti, secondo e nello spirito del nostro movimento ..lo sport per tutti…lo sport di tutti” a detto in conclusione il Presidente Enrica LANZA.

Nel saluto il presidente Nazionale Luigi MUSACCHIA, dopo aver espresso l’apprezzamento per l’impegno del Piemonte, si è rivolto alla platea sottolineando quanto sia delicata la fascia giovanile oggetto del tema del convegno: “I giovani adolescenti devono maturare una cultura contro il doping; una cultura che stenta a venire fuori, stenta ad essere parte integrante di un’educazione allo sport e perché no un’educazione alla vita, che deve avvenire attraverso il rifiuto di determinate pratiche che sono quelle della scorciatoia…… Portare i giovani sui campi di gioco a praticare un’attività sportiva attraverso un obiettivo, che dev’essere un valore da perseguire.” Ha poi concluso invitando ”i Giovani e la Famiglia: la Libertas ha un progetto proprio per ricreare le condizioni in maniera tale che la Famiglia sia presente nel mondo dello Sport vicina al Giovane che fa sport…. Supporto da dare all’adolescente, supporto da dare per superare tutte le crisi di questa difficile età: in questo lo sport ha un grande ruolo da svolgere e noi come Ente intendiamo perseguirlo con una grande volontà come uno tra gli obiettivi primari e prioritari della nostra mission”.

E’ seguito l’intervento del Presidente Regionale del CONI Piemonte, Gianfranco PORQUEDDU, anche in veste di Vice Presidente della Provincia di Torino ed Assessore allo Sport, che ha apprezzato l’impegno della Libertas nel voler affrontare con questo convegno una problematica così difficile e delicata. “coniugare sport e adolescenza è un fatto estremamente indispensabile; non si può che prescindere da questo binomio per favorire la crescita dei nostri giovani, l’educazione e direi anche l’apprendimento delle regole” ; ha poi continuato dicendo che il convegno “capita in un momento che sposa coerentemente il 150° anniversario dell’Unità d’Italia con il 65° della fondazione della Libertas, un movimento sportivo importante dove molti di noi, almeno qui in Piemonte, siamo tutti cresciuti.”

Il moderatore, giornalista Walter GERBI, anche Giudice internazionale Arbitro alle Olimpiadi di Atene ha poi dato la parola al Vicesindaco della Città di Rivoli, ospitante la sede del convegno, Avernino DI CROCE che ha detto di ritenere importante e “ fondamentale che i riflettori del convegno siano puntati sugli adolescenti, sul loro divenire adulti, sul modo di proporsi alla società, con il tipico entusiasmo dell’adolescente, la limpidezza morale e intellettuale, a volte anche superficiale, tipica e consentita a quest’età; …. Il futuro nostro e vostro è nelle vostre mani “ ha proseguito poi sottolineando come è fondamentale che “ le Amministrazioni locali, se pur in mezzo a mille difficoltà, non abbassino la guardia e tengano presente che l’Ente pubblico ha un ruolo delicato da giocare per i giovani. “

La parola è passata all’Assessore allo Sport della Città di Rivoli, Marisa MAFFEIS che ha ringraziato il Presidente Regionale Enrica LANZA, non solo per l’impegno come presidente Regionale per questo convegno, ma soprattutto come Presidente di Associazione che opera sul territorio con tante iniziative promosse in sinergia  e in collaborazione con l’Amministrazione Comunale della Città di Rivoli, rivolte a tutte le fasce d’età giovanili nel progetto ormai radicato da più di dieci anni “il Nuoto in cartella” per le scuole dell’obbligo e “ Nuotare in sicurezza” per gli adolescenti.

La carrellata degli interventi introduttivi è continuata  con il Responsabile Nazionale per la Formazione del C.N.S. Libertas, Fulvio MARTINETTI che ha presentato il progetto innovativo che il Settore sta portando avanti in merito alle nuove figure tecniche di base, l’Operatore Sportivo di Base e l’Animatore Sportivo Giovanile.

Nel corso del suo intervento il prof. Martinetti ha sottolineato che: “ nella recente revisione dei piani di studi, per queste nuove figure tecniche, vengono espressi contenuti in grado di dare competenze trasversali per essere prima educatori e poi tecnici. Tutto questo parte da un principio fondamentale caratterizzante anche la mission del nostro Ente che fa promozione, cioè quello di avere figure educanti capaci di contenere, mantenere, motivare, coinvolgere anche coloro che sono esclusi dalla selezione agonistica; avere Operatori, Istruttori che sappiano dare le medesime motivazioni di coloro che raggiungono il risultato con minor difficoltà.

L’ultimo saluto è stato portato dal Consigliere Federale F.I.N., Marco BENATI, che ha voluto sottolineare l’apprezzamento per il lavoro svolto dalla Libertas e l’impegno per l’attenzione data alla fascia d’età oggetto del convegno odierno.

Il Convegno è entrato nel vivo con la prima relazione, quella del dott. Daniele TURINI, Medico Chirurgo specialista in neurologia, psichiatria e in medicina sportiva della Scuola Regionale CONI Piemonte che in sintesi ha detto “La transizione degli adolescenti alla condizione adulta nella società attuale industrializzata è segnata da marginalità sociale. I ragazzi diventano adulti fisicamente molto prima di quanto diventano adulti socialmente. L’aumento di una condizione di disagio giovanile, marcata da varie manifestazioni (uso droghe, disturbi alimentari, disturbi psicopato-logici, difficoltà relazionali) è segnalato ormai da più parti. Le attività sportive stimolano competenze sociali e di gruppo creando le condizioni per il supporto reciproco nonché apprendimenti molto importanti, quindi quando si parla di sport non dobbiamo riferirci solo al piacere del movimento, infine bisogna tenere conto che non esistono attività migliori delle altre, ma attività che hanno un impatto educativo maggiore grazie ai contesti sociali in cui tali attività si svolgono”.


E’ seguita la relazione del dott. Giovanni GIARETTO, Alimentarista - Medico chirurgo specialista in pediatria e in medicina dello sport , durante la quale è stata richiamata l’attenzione alla platea su questo semplice ma importante quesito “Basta una corretta alimentazione per una crescita armonica e per una buona forma? No, la vita è movimento! Occorre dunque incentivare e potenziare l’attività fisica dei bambini e dei ragazzi, che spesso è carente: la metà di loro infatti abusa di TV e videogiochi,privilegiando abitudini sedentarie. Circa 1.100.000 soggetti in età evolutiva in Italia sono sovrappeso o francamente obesi,ma i genitori sembrano sottovalutare il problema:ben 4 su 10 non ritiene che il proprio figlio abbia un peso eccessivo in rapporto alla statura. E allora come possiamo nutrirci in modo corretto conciliando salute e soddisfazione del palato,benessere e fitness, con un occhio attento alla prevenzione? Se c’è un’età in cui più che mai la prevenzione ha un senso,questa è proprio l’età evolutiva.”

Il terzo intervento è stato quello della dott.sa Sabina SERENO, Psicologa e psicoterapeuta, esperta in psicologia dello sport, già docente di psicologia dello sport presso la facoltà di psicologia di Torino, consulente SdS CONI Piemonte e formatrice CIP. La psicologa ha voluto soffermarsi principalmente su alcuni concetti essenziali: “ dobbiamo fare molta attenzione a non trasformare lo sport da ‘valore’ a ‘disvalore’. Quando diventa un ‘disvalore’, quando lo sport non viene correttamente inteso dal punto di vista culturale, sociale, quando non è adeguatamente compreso, quando lo si intende soltanto rispetto ad alcuni dei suoi aspetti, quando è mal praticato, è usato in modo scorretto. Il Fenomeno del doping nasce anche perché vi è nell’individuo il desiderio di esistere agli occhi dell’altro: se io vinco ‘esisto’, …gli altri mi vedono, ma soprattutto perché si ha paura di perdere..”  


Dopo le conclusioni del prof. Martinetti il Presidente Nazionale Musacchia ha voluto, con il Presidente Regionale Libertas Lanza, consegnare gli attestati ai circa 45 tra Operatori Sportivi di Base e Animatori Sportivo-Giovanili, risultati idonei al corso conclusosi a metà del mese di maggio.

Ultimo aggiornamento ( Martedì 15 Gennaio 2013 14:47 )
 

Convegno interregionale per dirigenti sportivi

Venerdì 09 Novembre 2012 11:35 stefano
Stampa PDF

CONVEGNO INTERREGIONALE PER DIRIGENTI SPORTIVI - Rivoli (TO) sabato 13 giugno 2009

Programma del Seminario (scarica)
Nota esplicativa del consulente (scarica)

A Tutti I presidenti di ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE
nuove problematiche investono il mondo dell’associazionismo sportivo dilettantistico, coinvolgendo con giustificata preoccupazione, i Presidenti delle nostre Associazioni, in responsabilità non sempre chiare e correttamente interpretate.

Infatti con l’entrata in vigore del Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 (Testo unico sulla sicurezza) anche le ASD devono adottare misure preventive al fine di garantire la sicurezza nei luoghi ove operano e dove le stesse effettuano prestazioni nel confronto dei propri associati o terzi. Tali prestazioni non devono recare danni alla salute e devono essere minimizzati i rischi associati all’attività svolta, sia che gli operatori agiscano a puro titolo volontaristico, che dietro remunerazione a diverso titolo (lavoro subordinato, collaborazione a progetto, collaborazione occasionale, collaborazione remunerata a mezzo di compensi/rimborsi spese forfetari ex Legge n. 133/1999).

L’obiettivo di cui sopra viene raggiunto attraverso tre misure principali:
1) valutazione dei rischi e redazione del documento valutazione dei rischi (DVR);
2) messa in sicurezza dei suddetti luoghi (impiantistica, arredi, video-terminali, dotazioni antincendio quali estintori ed idranti, cassette di pronto soccorso…);
3) formazione ed informazione dei suddetti operatori.

Come certamente comprenderete, trattasi di una materia molto delicata che coinvolge tutte le associazioni, a qualsiasi livello, senza distinzione alcuna.

Pertanto, ho ritenuto indispensabile ed inderogabile fornire una opportunità di informazione per tutti i Presidenti di Associazioni su tale materia, tenuto conto anche della data del 16 maggio , ultima utile per le ASD di dotarsi del “Documento della valutazione dei rischi (DVR), organizzando un Seminario per approfondire i profili di responsabilità per i Dirigenti Sportivi e gli adempimenti richiesti con l’entrata in vigore della normativa.

Il Seminario per Dirigenti sportivi dei ASD, si terrà sabato 13 giugno 2009 dalle ore 9.00 alle ore 13.00, presso la sede del Centro Regionale Libertas del Piemonte - Sala Rossa (Istituto Salesiano LDC ) c.so Francia 214 in Rivoli (pv. TO) (Uscita tangenziale "RIVOLI FRANCIA" direzione Torino) secondo l’ordine dei lavori che vi allego alla presente .

Vi interverranno in qualità di Relatori figure importanti che garantiscono il massimo livello di competenza e saranno disponibili, al termine degli interventi, al dibattito aperto con i presenti.

Mi permetto di richiamare la vostra attenzione affinché non manchiate a questo importantissimo appuntamento, difficilmente riproponibile.
Anche a tal proposito ho ritenuto favorirne la partecipazione rendendo gratuita l’iscrizione.

A tutti i partecipanti il Centro Nazionale Libertas rilascerà un attestato di partecipazione per attività formativa di Dirigenti Sportivi

Sono sicura che non vorrete perdere questa occasione di incontro e di formazione e vi invito a dare la vostra adesione telefonando alla segreteria del Centro Provinciale di Torino entro mercoledì 10 giugno p.v. (denominazione della ASD e cognome e nome del Presidente o suo Delegato) attiva per il seminario dal 3 giugno 2009 dalle 15 alle 18,30 tutti i giorni feriali, al n. telefonico 011 9593502, visto il numero definito della disponibilità di posti in sala.

 

Seminario Regionale Nuoto

Giovedì 13 Dicembre 2012 09:30 stefano
Stampa PDF

La Scuola Regionale di Formazione Sportiva del Piemonte, con il patrocinio del Centro Nazionale Sportivo Libertas, Area Formativa organizza nell’ambito di un progetto di formazione ed aggiornamento permanente, un Seminario di Aggiornamento per tutti i Tecnici di Nuoto delle Associazioni Sportive Dilettantistiche Libertas avvalendosi delle professionalità più qualificate in campo nazionale.

Ultimo aggiornamento ( Martedì 15 Gennaio 2013 14:42 ) Leggi tutto...
 

Seminario di aggiornamento per tecnici e formatori

Sabato 03 Ottobre 2009 12:06 stefano
Stampa PDF

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO PER TECNICI E FORMATORI

 

La Scuola Regionale di Formazione Sportiva del Piemonte, con il patrocinio del Centro Nazionale Sportivo Libertas, Area Formativa organizza nell’ambito di un progetto di formazione ed aggiornamento permanente, un Seminario di Aggiornamento per tutti i Tecnici delle Associazioni Sportive Dilettantistiche Libertas avvalendosi delle professionalità più qualificate in campo nazionale.

Il seminario si svolgerà presso la Sala Rossa dell’Istituto ELLEDICI , SABATO 28 novembre 2009, dalle ore 9,00 alle ore 17,00, sita in RIVOLI (prov. Torino) corso Francia 214, all’uscita “Francia” della tangenziale sud di Torino.

Relatore autorevole sarà il prof. Giorgio Renato VISINTIN, docente presso la Scuola Centrale dello Sport del CONI di Roma, Formatore europeo, metodologo consulente e membro del Comitato Tecnico-Scientifico della Scuola di Formazione Sportiva del C.N.S.L.

Il Seminario è rivolto a tutti i Tecnici di qualsiasi livello e di qualsiasi disciplina sportiva e le relazioni verteranno su temi inerenti recenti ricerche scientifiche nel campo delle neuro-scienze.
Altre relazioni approfondiranno tematiche attinenti l’allenamento in età giovanile.

Vi sarà inoltre una sessione del seminario dedicata alle attività sportivo-motorie rivolte a soggetti disabili, per la quale relazionerà la dott.sa Francesca LA DOLCETTA, esperta in disabilità motoria in ambito sportivo, consulente per il Centro Nazionale Sportivo Libertas e Tecnico Nazionale S.O.I. (Special Olympics Italia) .



Programma del Seminario

- ore 8,30 – Accredito partecipanti iscritti

- ore 9,15 – Apertura del seminario
prof. Fulvio MARTINETTI
Responsabile Nazionale per la Formazione del C.N.S. Libertas

- ore 9,30 – La conduzione della seduta di allenamento-apprendimento: presupposti scientifici e metodologia pratica
Il contributo delle ultime scoperte delle neuroscienze al processo di apprendimento insegnamento
Il rapporto allenatore allievo: la leadership ottimale
Comunicazione e gestione del gruppo

prof. Giorgio Renato VISINTIN
docente presso la Scuola Centrale dello Sport del CONI di Roma, metodologo consulente e membro del Comitato Tecnico-Scientifico della Scuola di Formazione Sportiva del C.N.S.L.

- ore 11,00 – Cerimonia inaugurale dell’Anno Formativo 2009/2010 della Scuola Regionale di Formazione Sportiva del Piemonte
“Beppe Gilardi”

Saluto delle Autorità
dott.sa Enrica LANZA -
Presidente Centro Regionale Libertas del Piemonte
dott. Daniele MINIOTTI
Referente Regionale della S.R.F.S. Libertas del Piemonte
Prof. Luigi MUSACCHIA
Presidente del Centro Nazionale Sportivo Libertas
dott. Gianfranco PORQUEDDU
Presidente del C.O.N.I. Piemonte e Vicepresidente – Assessore allo Sport della Provincia di Torino
dott. Paolo SANGRIGOLI
Presidente della Scuola Regionale del C.O.N.I.

- ore 12,00 - Ripresa dei lavori del seminario
L’allenamento giovanile: presupposti teorici e metodologici e considerazioni pratiche
Aspetti biologici
Aspetti teorici e metodologici
Orientamenti pratici

prof. Giorgio Renato VISINTIN

- ore 13,30 - Termine prima sessione

* * * * *

- ore 15,00 - Sessione del Seminario riservata ai Tecnici di Nuoto

Dalla Scuola Nuoto all’agonismo: suggerimenti per la costruzione dell’allenamento infantile.
La selezione degli Allievi
L’attività preagonistica
L’allenamento degli esordienti

prof. Giorgio Renato VISINTIN


- ore 15,00 - Sessione del Seminario riservata a Tutti i Tecnici

La disabilità e l’attività sportivo-motoria
Modalità di approccio con soggetti disabili

prof.ssa Francesca LA DOLCETTA
Responsabile Nazionale del C.N.S.L. attività per disabili
Tecnico Nazionale S.O.I. (Special Olympics Italia)

- ore 16,30 Conclusioni

Consegna degli Attestati di Partecipazione e chiusura del Seminario

* * * * *
Modalità di partecipazione
L’iscrizione al corso, mediante la compilazione dell’apposito modulo, dovrà pervenire ENTRO IL 20 novembre 2009 secondo le seguenti modalità:
- a mezzo fax al n. 011 957 53 34 – Sede della Scuola Regionale di formazione Libertas “Beppe Gilardi”
- a mezzo e-mail . Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Quota di iscrizione di €. 35,00 - MODULO DI ISCRIZIONE (scarica)

L’iscrizione risulterà formalizzata con la trasmissione del modulo firmato entro i termini di scadenza ed il versamento della quota o mediante bonifico bancario o all’atto dell’ accredito il giorno del seminario. (Tale opzione dovrà essere obbligatoriamente indicata sul Modulo di iscrizione.)
L’iscrizione ed il versamento della quota potranno essere anche effettuati da parte dell’Associazione Libertas in forma cumulativa, effettuando un unico bonifico bancario e fornendo, in allegato ai moduli delle singole iscrizioni, un elenco di tutti i partecipanti presentati dall’Associazione Libertas su carta intestata.


Per ulteriori informazioni contattare il prof. Fulvio MARTINETTI, Responsabile del Seminario, al cell. 335 7512607

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 03 Dicembre 2012 15:40 )
 

Corso Professionalizzante

Corsi di formazione 2015/16

Fotografo ufficiale

Libertas Sprint

Eventi Progetti

Ci trovi a ...

  • Sede: Piazza Togliatti,1 Rivoli Torino presso Piscina Bonadies
  • Telefono: 011 9593502
  • Fax: 011 4117559
  • E-mail: libtop@libero.it