News Provinciali

Questions for new users of Joomla!

Mediazione civile anche in ambito sportivo

Martedì 26 Settembre 2017 20:33 stefano
Stampa PDF

Fare più in fretta e spendere meno: due obiettivi che abitualmente attraggono tutti, a maggior ragione se attuabili in un contesto storicamente lungo e costoso come quello dei procedimenti giudiziari.

Leggi tutto...
 

Pronto Dirigenti: un progetto in crescita

Martedì 26 Settembre 2017 20:32 stefano
Stampa PDF

Un contatto continuo e costruttivo che garantisca aggiornamento e crescita, nel primario intento di migliorare l’operatività della pratica sportiva e della sua organizzazione a tutti i livelli.

Leggi tutto...
 

Chivasso, una lunga vasca di gloria!

Lunedì 05 Giugno 2017 20:35 stefano
Stampa PDF

Vasca lunga o vasca corta? Letta così, nel suo stretto significato terminologico, la differenza può sembrare marginale se non addirittura irrilevante.


In realtà, chiunque abbia praticato nuoto anche solo a livello medio capisce benissimo come la questione sia tutt’altro che di poco conto e riguardi due percorsi tecnici ben distinti l’uno dall’altro, quasi due sport diversi. La vasca lunga misura 50 metri ed è chiamata così per distinguerla da quella di 25, denominata convenzionalmente vasca corta. A chi la affronta, almeno le prime volte, incute quanto meno rispetto: sembra non finire mai e soprattutto, quando la fatica comincia a presentare il conto, non propone con la stessa frequenza della “corta” quella provvidenziale virata che consente di tirare un attimo il fiato e riprendere, grazie alla spinta dal bordo, quel ritmo inevitabilmente perso bracciata dopo bracciata. Un po’ come, passateci l’ardita allegoria, un alpinista che si trovi a scalare l’Everest senza poter usufruire dell’ultimo campo-base…

 

Insomma, la gara in vasca lunga può esser considerata l’esame di maturità dell’atleta o aspirante tale: inseguito, temuto ma alla fine capace di darti una grande soddisfazione. Quella che, fuor di metafora, hanno provato i partecipanti ai Campionati Regionali Libertas 2017 di nuoto svoltisi sabato 21 maggio, a Chivasso, nella piscina appunto da 50 metri. Un intenso ma agile pomeriggio promozionale-agonistico all’aperto (adeguatamente riscaldato dall’entusiasmo di tutti i presenti e da un sole ormai decisamente estivo) che il Centro Regionale Libertas Piemonte ha reso in qualche modo ancora più “open”, visto che ai Campionati ha partecipato quest’anno anche una società proveniente dalla Lombardia: lo Sporting Lodi, presente durante la stagione già a una tappa del Circuito Regionale Libertas.

Alcuni numeri aiutano a inquadrare dimensioni e contenuti della rassegna: ben 98 le gare individuali (alle quali vanno aggiunte le staffette conclusive), 5 le società partecipanti con atleti nati dal 1999 al 2009, suddivisi nei settori Propaganda e Agonismo e impegnati sui 50 e 100 farfalla, dorso, rana e stile libero. Netto il dominio del team locale, la Libertas Chivasso, ai blocchi di partenza con una squadra numerosissima, capace di aggiudicarsi oltre la metà (58) delle prove individuali e di trionfare con 1529 nella classifica per società. Tra le sue file anche l’atleta di maggior prestigio tecnico, la diciottenne Andrea Allais, ormai una stella del nuoto per salvamento, specialità nella quale rappresenterà l’Italia agli Europei Giovanili in programma a settembre in Belgio, ma estremamente competitiva pure nel nuoto tradizionale, come ha confermato in questi Campionati conquistando 3 medaglie d’oro (100 dorso, 100 sl, 4x50 sl). Un sabato di grande raccolto, tornando all’analisi del rendimento delle varie squadre, anche per la Libertas Rivoli, a segno in 13 gare individuali e seconda nella graduatoria finale (grazie soprattutto alle staffette) con 538 punti al termine di un emozionante duello con la Libertas Caluso, terza con 507 punti e 19 volte sul gradino più alto, sempre per quanto concerne il programma individuale. Acuti significativi anche da parte dello Sporting Lodi (quarto con 100 punti e 5 successi individuali) e della Libertas Bardonecchia (quinta con 74 punti e 3 vittorie).

Ma la grande novità di questi Campionati è stata l’implementazione in essi della prima edizione dei Para Campionati Regionali Libertas, la manifestazione che il Centro Regionale piemontese ha voluto espressamente creare per il nuoto per disabili. Un’iniziativa dal chiaro e forte valore umano, ancor prima che tecnico, eloquentemente sintetizzata nei suoi significati dallo slogan scelto come sottotitolo della medesima: “L’acqua non mi limita”. E per capire realmente quanto ciò sia vero, bastava vedere all’opera i coraggiosi frequentatori di questa prima edizione, tutti impegnatissimi a dimostrare che gli ostacoli, nello sport come nella vita, anziché scoraggiare possono rappresentare lo stimolo ideale per dare il massimo di se stessi. Così è stato, a tutti i livelli tecnici e anagrafici: da chi è già in grado di percorrere addirittura 50 metri a farfalla a chi, ancora alle prime armi, ne nuota 10 con davanti a lui un accompagnatore pronto a incoraggiarlo e sostenerlo. Due, quest’anno, le società presenti: la Libertas Rivoli, reduce dall’ottimo rendimento espresso il weekend precedente a Cuneo nei Giochi Regionali del circuito Special Olympics Italia e la Libertas Chivasso, con la quale svolgono la loro attività natatoria i ragazzi dell’Associazione Sorriso. Ma è facile prevedere che già alla prossima edizione altri team Libertas dimostreranno di voler e saper seguire il solco tracciato quest’anno e rendere questa manifestazione ancor più sentita e numericamente importante.

A questo punto, ci sono tutti gli elementi per rispondere alla domanda da cui siamo idealmente partiti: vasca lunga. Ma lunga soprattutto di gloria. Che, si sa, quando è vera dura per sempre.

 

Taekwondo: Premiato il Team Mulè Libertas

Mercoledì 28 Giugno 2017 11:05 stefano
Stampa PDF

35 i giovanissimi radunati a Vinovo per l'annuale evento di assegnazione dei passaggi di cintura. Premiato dal consigliere regionale Libertas, avv. Santoleri, l'instancabile, il vulcanico e il tecnico Alfredo Mulè, presidente e allenatore del TEAM Mulè punta di diamante del Tae Kwon Do

 

Team Mulè all'Open Championship 2017 di Tae Kwon Do del South Italy

Lunedì 05 Giugno 2017 20:23 stefano
Stampa PDF

Si è appena concluso l’Open Championship 2017 di Tae Kwon Do ITF del South Italy presso il palazzetto sportivo di Spezzano Albanese (CS).


Un "grazie" va all'amministrazione comunale nella persona del Sindaco il Dr. Ferdinando Nociti e all'assessore allo sport Pietro Damiano, i quali hanno riposto fiducia all’Asd Invictus guidata dal Maestro Ivano Diodati, organizzatore di tale manifestazione, che non ha deluso le aspettative dei tanti giovani talenti provenienti da diverse regioni italiane della ITF Choi Jung Hwa Organization, vale a dire Team Recce, Team Lomuscio, Team Genco, Team Em Hwarang, Team Borriello, Team Lee, nonché una delegazione direttamente dall’Albania. Sono intervenute anche delegazione di altre Federazioni quali l’AKSD Taekwondo AITF Italia e la global taekwondo federation. A conferma dell’ottimo risultato è stata l’accoglienza di Diodati, che facendo da padrone di casa, ha saputo gestire brillantemente anche nel più piccolo dei dettagli la parte logistica della manifestazione. Ottimo lavoro di tutto lo staff arbitrale, tra cui Alfredo Mulè (socio Libertas), che ha partecipato direttamente da Torino. Momento di commozione quando durante la cerimonia di apertura il Maestro Ivano Diodati, dopo un minuto di silenzio ed un lungo applauso, ha dedicato una targa in ricordo al piccolo Francesco Nannola, componente del Warang Group Andriese, scomparso tragicamente due settimane fa. Particolare attenzione è stata concentrata sui più piccoli, i quali si sono dati “battaglia” prima in una gara di forme dopo in una gara di combattimento, dando il massimo sul tatami. Conclude Mulè: "Voglio esprimere i miei più vivi complimenti a tutte queste persone che disinteressatamente portano avanti con mille sacrifici un ideale per le future generazioni, che attraverso lo sport creano valore e fratellanza! Ultimo appuntamento dell’anno sportivo sarà la grande manifestazione del Team Mulè a fine giugno per il passaggio di cintura dei propri allievi, i quali dovranno affrontare una parte teorica, combattimento, forme e tecniche di rottura.

 

Per qualsiasi info contattare il 3930688886 oppure l’email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Pagina 10 di 24

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Corso Professionalizzante

Corsi di formazione 2015/16

Fotografo ufficiale

Libertas Sprint

Eventi Progetti

Ci trovi a ...

  • Sede: Piazza Togliatti,1 Rivoli Torino presso Piscina Bonadies
  • Telefono: 011 9593502
  • Fax: 011 4117559
  • E-mail: libtop@libero.it